AVIS



In Evidenza

imgnews
AVIS a Crotone una storia lunga 60 anni: Apertura festeggiamenti per il 60° dalla fondazione   Era l’11...

imgnews
E' tempo d'estate; storicamente in questa stagione la carenza di sangue è maggiore e, anche nella nostra provincia, si moltiplicano...

imgnews
Giovedì 3 febbraio alle ore 17,00 è stata inaugurata la nuova sede dell'AVIS di Crotone. Durante la cerimonia sono...



Visualizza tutte...

Calendario Eventi - Febbraio 2019

Assemblea provinciale del 26 marzo

17-04-2011

 

Assemblea Provinciale dell’AVIS a Torretta di Crucoli
 
Giorno 26 marzo si è tenuta a Torretta di Crucoli, la 19^ Assemblea dell’AVIS Provinciale di Crotone;
Ottima l’organizzazione curata dal presidente dell’AVIS di Torretta di Crucoli, Dr.ssa Laura Marasco; La manifestazione ha visto anche la presenza del Sindaco del Comune, il Dr. Antonio Sicilia e del vicesindaco, nonché del rappresentante locale della Provincia di Crotone il Consigliere Michelangelo Greco. Da segnalare la presenza del Presidente del CSV Aurora di Crotone, Prof. Giuseppe Perpiglia, del presidente dell’AISM, Dr.ssa Luciana Gaccione, del responsabile provinciale Telethon, Raffaele Marasco e del consgliere regionale AVIS, Prof. Luigi Cassano.
Alla presenza di numerosi delegati delle 23 sezioni Comunali e della sezione di Base della Provincia il Presidente, prof. Franco Rizzuti ha svolto la relazione del Consiglio Direttivo, raccontando le difficoltà che sta vivendo l'AVIS Provinciale a causa del comportamento della Dirigenza dell’Azienda Sanitaria Magna Grecia di Crotone che, continua a erogare con grandissimo ritardo i rimborsi spettanti (è ferma al rimborso parziale del 3° trimestre 2009), e costringendo così l’AVIS ad anticipare i fondi per l’acquisto del materiale necessario alle raccolte che effettua da più anni sul territorio della provincia. Proprio per questi motivi,  il Consiglio Direttivo ha più volte pensato di interrompere le uscite e, se sinora ciò non è avvenuto è solo perché il senso di responsabilità ha, finora,  prevalso. Ma non è pensabile che chi svolge il proprio compito per puro spirito di volontariato debba anche anticipare di tasca proprio le risorse per sopperire alle carenze dell'ASP. Infatti con le sue 118 raccolte nel corso del 2010 l’AVIS ha portato al SIT di Crotone quasi 3000 unità di sangue, cui si sono aggiunte oltre 2000 raccolte direttamente al SIT stesso, per effetto dei Donatori di sangue iscritti all'associazione. Il paradosso è che mentre l’Assessorato alla Sanità calabrese ha riconosciuto il ruolo insostituibile dell’AVIS (e delle altre associazioni di donatori di sangue) come elementi fondamentali per lo sviluppo della Sanità calabrese, nel nostro territorio si continua a considerare i rimborsi per le associazioni un costo da tagliare, così come mancano opportunità per gestire in maniera migliore la raccolta, considerato che molto spesso vengono create difficoltà anche all'effettuazione delle giornate di donazione.
Ma nonostante questa situazione l’AVIS crotonese, nell’anno in corso ha saputo svolgere il proprio ruolo con grande professionalità, inserendo il valore aggiunto di una serie di manifestazioni culturali nel settore della Scuola (Un importante convegno alla presenza del Prof. Corradini, ex sottosegretario al Ministero della Pubblica Istruzione, nonchè presidente emerito dell'UCIIM e padre putativo dell'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione nelle Scuole) e della sanità (Un primo Corso di Formazione, il cosiddetto ECM,  in medicina trasfusionale alla presenza di relatori illustri di fama internazionale e, per la prima volta nella nostra città, anche del Presidnete dell'AVIS Nazionale, il Dr. Vincenzo Saturni; ma anche  numerosi altri convegni a carattere sanitario nelle diverse sedi della nostra provincia). E naturalmente l'attività istituzionale con le raccolte e con manifestazioni locali di rilevanza spesso non solo locale. E poi come dimenticare, l'impegno dei nostri rappresentanti al livello associativo superiore; il Prof. Perpiglia, membro del gruppo tecnico nazionale del settore Scuola di cui è anche il segretario, il Prof. Rizzuti membro del gruppo tecnico nazionale del settore Formazione, il Prof. Cassano membro apprezzato del Consiglio regionale in cui il già citato Rizzuti svolge la funzione di vicepresidente vicario.
Insomma un'AVIS vitale, impegnata su più fronti, pronta ad assumere anche responsabilità non proprie con l'unico scopo di risolvere i problemi dei più deboli e di chi, è costretto, per sopravvivere, a sottoporsi a trasfusioni di quel prezioso tessuto che è il nostro sangue.
Nel corso della serata è stato consegnato all’AVIS Provinciale un defibrillatore, acquistato dall’AVIS Regionale della Calabria con i fondi introitati grazie al cinque per mille, e che ha voluto rappresentare l’ennesima risposta positiva dell’Associazione ad un tragico evento quale la morte di un bambino di San Marco Argentano, avvenuta a Scuola per un malessere che, in presenza di tale strumento si sarebbe potuta evitare. Proprio per questo l'AVIS regionale, guidata con grande abnegazione dal Dr. Paolo Marcianò ha voluto testimoniare la propria presenza attiva e partecipativa alle problematiche regionali, impegnandosi anche, ove necessario, nella formazione del personale medico e paramedico al fine di utilizzare al meglio questo prezioso strumento.
Dal dibattito sono emersi altri aspetti dell’annata trascorsa e, soprattutto l’impegno che l’Associazione sta mettendo in campo per continuare la sua opera in tutti i settori della società civile. Impegno che riprenderà già a partire da giovedì 31 marzo p.v., con un’importante manifestazione nella sala consiliare del Comune di Crotone, dove si terrà un convegno dal titolo accattivante: “ Il pieno sviluppo della persona umana … fra etica ed educazione” in cui ancora una volta la sinergia fra Associazioni ed Enti Locali coinvolte direttamente nell’organizzazione vuole portare un contributo alla crescita sociale del territorio della Provincia di Crotone.
La serata si è chiusa con l’approvazione della relazione e dei bilanci e, soprattutto, con l’approvazione della Mozione Conclusiva in cui l’associazione ribadisce il proprio impegno e auspica di vedere meglio riconosciuto tale impegno dagli Enti Locali e dall’Azienda Sanitaria, con l'unico obiettivo di una crescita sociale e culturale dell'intera provincia.